Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 22nd, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

22 Dicembre 2018

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 1-0

***

Nun vojo véde ar fatto d’avé perzo,

ché poi nun porta da chissà che parte,

vojo guardà, a raggionà in disparte,

a l’obbiettivo che nun è ‘no scherzo.

***

Er quarto posto, a meno quattro carte,

nun è lontano anni luce e avverzo,

chi sta davanti, armeno fino ar terzo,

se pò raggiunge e nun viè mai da Marte.

***

Vojo vedé che j’hai tenuto testa,

a questi che sò macchina da guera,

ché a la fine è er fatto che più resta.

***

C’è poi un girone e chi la vede nera,

è pure quello che si c’è ‘na festa

nun ride mai e pure poco spera.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Er presepe

er presepe

Er presepe

***

Io cor presepe torno un po’ pischello,

casette illuminate e li pastori,

che aggiorna e annotta, un misto de colori,

tra pecorelle, er bue e l’asinello.

***

Tra sassi e ghiaia, er muschio e li rumori,

de mestieranti e de quer mulinello,

co la carta stagnola a fà er ruscello,

ner cèlo ’na cometa de chiarori.

 ***

Mentre lo guardo l’occhio me se ’ncanta,

se fissa su la grotta e lì vicino,

polistirolo a neve che s’ammanta.

 ***

Me trovo a raggionà da regazzino,

chissà com’era quela Notte Santa,

e a un tratto ariempie tutto quer Bambino…

***

Stefano Agostino

__________________________

***