Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 9 Gennaio, 2019

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2019

La prima decade de l’anno

La prima decade de l’anno

***

Oggi la prima decade de l’anno,

ce ne sò in tutto sempre 36,

più 5 giorni, co ‘gni tanto sei,

se fissa co l’ormeggi ner suo scranno.

***

Solo un’anticchia, priva de trofei,

de l’anno novo, ancora senza affanno,

cor senzo vivo e fresco de rimanno 

a le festività de giorni rei …

***

… de cede er posto ar generale inverno

che fin’a Pasqua lassa senza sieste,

quer calennario che vale a l’esterno.

***

Perché c’è quello de le nostre teste,

che già se sta a segnà tutt’er quaderno,

de ponti, ferie, pause, gite e feste.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Ascortanno se ‘mpara

ascortando se 'mpara

Ascortanno se ‘mpara

***

Chi me conosce sa che parlo poco,

er fatto è che me piace più l’ascorto,

sapé er perché, er per chi, che je s’è sciorto,

a questo o quello, in tutto o pressappoco.

***

E nun lo faccio pe dà un quarche torto

o chissà mai pe quale strano gioco,

ma perché ‘gnuno dentro cià un suo foco

che pò scallà ‘gni artro se n’è accorto.

***

Quer che ciò da dì io lo metto in rima,

me viè più naturale e più diretto,

guasi che a fà così me sbrigo prima.

***

Che ascortanno un artro, nun è detto, 

che me convinco che sto a mette in cima, 

quer che va messo invece ar gabbinetto.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***