Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 20th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Gennaio 2019

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

***

I

Festa de nozze a Cana, in Galilea.

C’era Maria e un ber gruppo de invitati,

Gesù, co li discepoli attirati,

 da quanno s’era sparza la nomea.

***

Però li tini s’ereno svotati,

così che mancò er vino a la platea,

Maria chiese a Gesù: “Quarcosa crea,

ché nun c’è vino e sò tutti aggitati”.

***

Gesù allora j’arispose: “Donna,

che c’è tra te e me?  Mica è quell’ora,

in cui è er momento Mio”, ma la Madonna …

***

… co granne fede, a li servitori,

disse senza sospetti: “Vabbè, allora

quer che ve chiede, fatelo, signori”.

***

II

Ce staveno sei anfore de pietra,

usate pe la purificazzione,

che li Giudei, pe rito e tradizzione,

faceveno ar sòno de la cetra.

***

“Riempitele de acqua e, a razzione”,

fece Gesù, che mai pe gnente aretra,

“portatele a toje l’aria tetra,

a chi è er maestro de ‘sta libbaggione”.

**

E questi n’assaggiò e restò de stucco:

“In tavola”, esclamò; ” c’è er vino bono,

da dà a l’inizzio e l’artro dopo … è er trucco”

***

Eppoi a lo sposo: “Invece tu, signore,

che sei de un artro rango e un artro tono,

ce dài a la fine er vino più mijore!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***