Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 22 Gennaio, 2019

I sonetti romani,Romanamente

22 Gennaio 2019

Le zampe sotto ar tavolino

Le zampe sotto ar tavolino

***

Mette le zampe in sott’ar tavolino,

rimane sempre un granne privileggio,

si è pe magnà, sinnò ‘sto tono egreggio

se ne va a fasse frigge e viè er burino. 

***

Ché séde pe magnà è un atto de preggio

e j’annerebbe fatto un bell’inchino,

er culo su la sedia a manichino,

senza pietanze, è più ‘no spreco a sfreggio. 

***

Appena che me seggo già se sblocca

lo stommico che s’apre pe mestiere,

a faje l’eco l’acquolina in bocca.

***

Er tempo de guardà piatto e bicchiere,

che subbito è già tardi, l’ora scocca,

che se materializzi er cammeriere.

***

Stefano Agostino

___________________________

***