Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 27th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2018-19

27 Gennaio 2019

Atalanta – Roma

Atalanta – Roma: 3-3

***

Un pari che te lassa l’amarezza,

dopo quer primo tempo da tre a zero,

che nun pareva manco fusse vero,

pe come ch’è venuto, co sciortezza.

***

Ma tutt’a un botto, poi, s’è fatto nero

er cèlo e er pomeriggio de l’ebbrezza,

s’è aribbartata tutta la grannezza

e er risurtato è un pari poco fiero.

***

Ché un punto in fonno poi co l’Atalanta,

nun è de certo da guardà pe storto,

anzi semmai qui sa de mano santa.

***

Ma pe com’è arivato, sì contorto,

cià er senzo come un sogno che te ‘ncanta,

che poi te sveji e er sogno te s’è sciorto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “lo Spirito der Signore è sopra de Me”

Dar Vangelo der giorno:

“lo Spirito der Signore è sopra de Me”

***

Un sabbato Lui entrò in sinagoga,

je venne dato un rotolo de Legge

era Isaia, che lì cominciò a lègge,

parola pe parola e senza foga, …

***

“Lo Spirito de Dio” … disse a quer gregge …

“è su de Me, ché Lui m’ha dato toga,

d’annuncià er Regno e toje chi soggioga

pe dà libberazzione che soregge”.

***

Riavvorze quer papiro benedetto,

co l’occhi su de Lui, tutti a guardallo,

e allora disse: “Quer ch’ho appena letto …

***

… er passo de Isaia, oggi è compiuto”,

e in quer momento, da quer piedistallo,

‘gni omo in assemblea se fece muto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***