Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 14th, 2019

I sonetti romani,Romanamente

14 Febbraio 2019

San Valentino

San Valentino

***

È er sacro giorno de l’innammorati,

co un fiore, un bacio, un gesto o ’na follia,

se vò dì a l’artro: “Sei la vita mia,

e grazzie a te li giorni sò cambiati”.

 ***

Quattordici febbraio, in armonia,

è tutto un duo de còri abbraccicati,

sò petali de rosa arigalati,

diti ’ntrecciati e occhi de maggìa.

 ***

C’è chi su un palo pitta un coricino,

co impresse l’inizziali a fà vetrina

e c’è chi cerca segni in der destino.

 ***

Si un giorno quel’amore se cestina,

sarà servito ’sto San Valentino,

così a aricchì fiorari e Peruggina.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Auguri a l’innamorati / spèce si nun corisposti /
a quelli soli e abbandonati / a quelli più gajardi e tosti /
a quelli veri e a còre in mano / a quelli che fanno de tutto /
a chi nun va mai via lontano / a chi ce sta ner bello e brutto /
a chi nun spreca l’occasione / a chi sa amà e nun fa rumore /
a chi nun conta la raggione / basta avecce pieno er còre /
a chi se perde e s’aritrova / a chi arimane un po’ più indietro /
a chi è pe sempre e cosa nova / a chi traspare come er vetro /
a quelli che poi se sò perzi / a chi lo chiude cor lucchetto /
a quelli che sò un po’ diverzi / a chi se infamma pe un bacetto /
a quelli che fanno aritorno / e a chi ha fatto un gran casino /
a chi nun ama solo un giorno / ma ‘gni dì è San Valentino.

ééé