Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 26th, 2019

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Febbraio 2019

La protesta der latte

La protesta der latte

***

Capisco la protesta e le raggioni,

nun me permetto certo de discute,

quann’è er lavoro e tocca la salute,

nun cià bisogno de motivazzioni.

***

Ce l’ho co chi lamenta sprovvedute

risorze, da le peggio occupazzioni,

a chi produce latte e a l’oppignoni

espresse, da fà invidia a quelle mute.

***

Ma nun capisco lo sprecà ‘sto latte,

co tanta gente che, pe ‘gni reame,

co la miseria nera ce combatte.

***

Fa male da vedé trattà letame,

‘sto ben de Dio che pò fà soddisfatte,

le bocche de chi se mòre de fame.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er pettegolo

Er pettegolo

***

Stai sempre a mormorà de questo e quello,

nun ce n’è uno ar monno che va bene.

E t’amareggi er sangue ne le vene,

in de l’afflusso tra er còre e er cervello.

***

Stai sempre pronto, co le gote piene,

a vomità parole in ritornello,

in grado de tajà come un cortello,

contro chiunque, e pure si cià pene.

***

Ce n’hai pe tutti, eppoi de tutti quanti

conosci a menadito ‘gni difetto,

le storie più anniscoste e più scottanti.

***

 Però quanno quarcuno più diretto, 

te fa notà li impicci tua … (e sò tanti)

risponni: “No, io no, io so’ perfetto”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***