Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 14th, 2019

I sonetti romani,Romanamente

14 Marzo 2019

Er gaggio

er gaggio

Er gaggio

 *********

‘Gni giorno indossa un abbito diverzo,

sempre preciso, in tiro e sta acchittato,

giacca, cravatta e bavero riarzato,

nun cià un capello che va pe traverzo.

***

 Ar pantalone l’orlo arisvortato

 e l’orologgio sopra ar porzo inverzo,

er pedalino in tinta, addentro perzo,

a scarpe de un perfetto lucidato.

***

Er dopobarba pe lassà la scia,

misto ar profumo de un campo de maggio,

che pare uscito da ‘na tintoria.

***

“Si nun m’acchitto” – dice – “sto a disaggio”

ma è ‘na scusa, pe nun dì bucia,

ché ce lo sanno tutti quant’è gaggio.

******

Stefano Agostino

_____________________________

***