Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 24th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Marzo 2019

Dar Vangelo der giorno: “l’arbero de fico”

Dar Vangelo der giorno: “l’arbero de fico”

***

Un giorno un tizzio a un arbero de fico,

l’annò a piantà ar centro de la vigna,

speranno cor cervello, coccio a pigna,

che je facesse granni frutti … e dico …

***

… che pe tre anni se mise de tigna

fin quanno poi s’arese e fece: “Amico”,

–  ar vignarolo –  “io me maledico,

ma ‘st’arbero m’ha rotto e mó se svigna”.

***

Er vignarolo, allora de rimanno,

je disse: “Aspe’, che provo cor concime,

fammelo lavorà, ancora un anno…”

***

Così che se convinze e pe le rime,

je disse: “Sì, che hai visto mai”, speranno,

“quest’arbero rovescia le mie stime”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***