Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo 27th, 2019

I sonetti romani,Romanamente

27 Marzo 2019

‘Na tore de Babbele

‘Na tore de Babbele

***

A vorte ho come guasi l’impressione

de vive come dentro a ‘na Babbele,

tutti parlamo, più de radio e tele,

‘gnuno co la sua idea, la sua oppignone …

***

… che come ne la Tore a Israele,

nun c’è ‘na lingua sola a fà nazzione,

nun se capimo e in piena confusione,

restamo in arto mare, senza vele.

***

È brutto nun capisse più pe gnente

è vero: “viva er libbero penziero”,

ma che me serve, si in mezzo a la gente …

***

… me faccio intenne, da uno a dieci, zero,

e sto a convince me, no chi me sente,

che quer ch’io vedo bianco, vede nero.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***