Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile 7th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

***

L’adurtera in fragranza fu portata

da scribbi e farisei innanzi ar Maestro,

je dissero: “Mosè, dar granne estro,

ce inzegnò che una così è marchiata.

 ***

Ché co li serci, come a fà canestro,

pubbricamente pe quel’infamata,

senza pietà ha da èsse lapidata,

mó dicce si dovemo armacce er destro”.

***

Gesù, dapprima nun j’arisponneva,

nun li guardava, manco un po’ de sguercio,

co un dito, chino a tera, Lui scriveva.

 ***

Ma a l’inzistenza de quer monno lercio:

“Chi è senza ‘gni peccato, faccia leva,

cor braccio” – disse – “e  mó je scaji un sercio!”

***

E a ‘ste parole nessuno poteva

tirà più er sasso e fà un mezzo bercio,

“Donna, nun te condanno” … je diceva.  

***

Stefano Agostino

_____________________