Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile 18th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Aprile 2019

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

***

I

Gesù fu conzegnato poi a Pilato.

che allor lo interogò: “Ma Tu chi sei?”

“È vero che sei er Re de li Giudei?”,

– “So’ io, sì” – Gesù j’ha replicato.

***

“Da quale Regno venghi e a quali dèi?”,

Pilato a domannà preoccupato,

ma Lui nun fece più nemmanco un fiato,

pur accusato più de cento rei.

***

Pilato lo incarzava, ma Lui gnente

restava zitto mentre, piano piano,

c’era er palazzo già pieno de gente …

***

… a chiedeje a Pilato, er pretoriano,

de crocifigge quer sangue innocente,

ché lo poteva fà solo un romano.

***

II

Pilato nun sapeva che decide,

in Lui nun ce trovava ‘na condanna:

… perché ammazzallo? … eppoi perché s’addanna

‘sta folla intera che lo vole uccide?

***

… E si la mente ancora nun me ‘nganna,

(così penzò ner mentre che lo vide),

è regola de libberà e fà ride

un condannato a Pasqua …  è come manna.

**

Così arimise ar popolo la scerta,

tra chi fà vive e chi ammazzà su in croce,

“Gesù o Barabba?  Dite voi e a la sverta”.

***

La folla sobbillata arzò a gran voce:

“Sarva Barabba e fa’ sia cosa certa

de condannà Gesù a la morte atroce”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***