Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 11th, 2019

I sonetti romani,Romanamente

11 Giugno 2019

Nun ce faccio er “callo”

Nun ce faccio er “callo”

***

Quanno che ariva er callo più africano,

ch’er cèlo stigne er colorito in giallo,

er sole pare sprenne pe inondallo,

der suo calore tipico sahariano.

***

Co l’afa che nun dà mai un intervallo

e fa sudà che tutto pare vano,

le forze, pure quanno se va piano,

ce lassano ché ciànno troppo callo.

***

Ma si apri bocca e solo te lamenti,

de quant’è arta la temperatura,

ariva sempre chi batte li denti …

***

… pure quanno che strigne la calura,

che dice: “adoro er callo” e, armeno a intenti,

j’ammolli un carcio sotto la cintura.

***

Stefano Agostino

________________________

***