Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 25 Luglio, 2019

I sonetti romani,Romanamente

25 Luglio 2019

Pe dì un “bongiorno”

Pe dì un “bongiorno”

***

Che te ce vò, me spieghi, a dì un “bongiorno”,

nun s’ariggira er monno, nun succede,

prova ‘na vorta, armeno, e, si te lede,

te autorizzo a tojeme de torno.

***

“Bongiorno”, in fonno, amico, che sto a chiede?

De fà un saluto a chi ciài ner contorno,

buttacce in mezzo un ber soriso attorno,

‘na vorta sola, quanno te se vede.

***

Hai visto mai che, poi, quela giornata,

ch’è cominciata, appunto, co un saluto,

prosegue mejo e è pure fortunata?

***

Ecco, te ‘ncontro, … sì … guasi t’adulo …

lo stai pe dì … ma gnente … resti muto,

ma sai che c’è?  Ma vattenaffanculo !!!

***

Stefano Agostino

__________________________

***