Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 26 Luglio, 2019

Frammenti di Roma,I sonetti romani

26 Luglio 2019

Er Nasone

Er Nasone

***

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri “fontanella”, sei er “Nasone”,

dijelo ar cane che te crede un cesso.

 ***

Hai dissetato un sacco de perzone,

sputanno l’acqua, pure si in eccesso,

tant’è che a ripenzacce bene adesso,

chi cacchio avrà pagato, Pantalone ?!?

 ***

Ma che tristezza mó a sapette chiusa,

là sola, su a l’incrocio, in fonno ar viale,

nemmanco più er fioraro, ormai, te usa.

 ***

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ’na reclusa,

pe daje spazzio a l’acqua minerale.

****

Stefano Agostino

_____________________________

***