Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 28 Luglio, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Luglio 2019

Er Padre Nostro

Er Padre Nostro

***

I

Er Padre Nostro è propio la preghiera

che cià inzegnato stesso Gesù Cristo,

atteso che, conziderato e visto,

si tanto me dà tanto, è la più Vera.

 ***

Si chiama nostro er Padre, io qui inzisto,

vor dì che la generazzione intera

de tutti l’ommini sopr’a ’sta Tera

se pò dì fìa, pe cotanto Acquisto.

 ***

Sò riportate, poi, da li Vangeli

de seguito le sette invocazzioni,

a Chi pe residenza cià li Cèli.

 ***

La prima, tanto pe comprenne er come,

comincia a dà precise indicazzioni:

de Lui ne sia santificato er Nome.

***

II

Santificato er nome in modo degno,

ariva la seconna invocazzione,

ch’è come ’na richiesta o petizzione:

qui su ’sta Tera mó venga er Suo Regno.

*** 

Regno de Grazzia e d’unica Nazzione,

de Pace suggellata da quer Segno:

Gesù inchiodato in Croce e de quer Legno,

principio de la nostra sarvazzione.

 ***

E tanto poi p’aribbadì lo stesso

concetto ch’è Lui er Re de l’Univerzo,

segue la terza invocazzione appresso.

 ***

Sia fatta la Sua volontà, foriera

d’Amore e Gioia in de ’gni senzo e verzo,

così ner Cèlo come su ’sta Tera.

***

III

Er punto più gradito è dacce oggi

er pane nostro, quello quotidiano,

er furcro de richeste pe l’umano,

che cerca protezzione, aiuti e appoggi.

*** 

Chiede ar Signore si ce dà ’na mano,

ché tanto serve a tutti, alegri e moggi,

è er modo pe fà sì che nun se alloggi

artrove ’ndò chi chiede lo fa invano.

 ***

La quinta invocazzione è la più tosta,

rimette a noi li debbiti contratti,

nun è la parte che cara ce costa…

 ***

… quella che ce dà noje e anche dolori,

e che arichiede a noi li stessi patti:

come pe noi a li nostri debbitori.

***

IV

La sesta invocazzione è interpretata

ner senzo più fedele a Tradizzione,

ché certo nun pò indure in tentazzione,

Chi cià la veste bianca e immacolata.

 ***

Così ch’è più vicina a l’intenzione

de ’sta richiesta l’èsse formulata

ner senzo che nun vada abbandonata

un’anima, finenno in perdizzione.

 ***

L’invocazzione settima, finale,

se ricollega a quella precedente,

che Dio ce scampi e libberi dar male.

 ***

Mó chiudo ch’arisparmio un po’ de inchiostro,

chiedenno a te, credente e nun credente,

m’aiuti inzieme a dì un Padre Nostro?

***

Stefano Agostino

________________________

***