Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 16 Agosto, 2019

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2019

A un amico innammorato

A un amico innammorato

***

Penzavi nun potesse più succede,

che aribbatteva in petto quer rumore,

quello che sempre serve a scallà er còre,

che te lo chiedi e nun lo riesci a crede.

***

Che nun pòi definì de certo amore,

ma è un quarche cosa che, chi te lo chiede,

l’ha già capito solo che te vede,

e che vorebbe vive cor tuo ardore.

***

E invece se presenta un’occasione,

che nun lo sai er perché, ma è li davanti,

come la guardi già te viè er fiatone.

***

E t’aritrovi che fischietti e canti,

in mezzo a un coro intero de perzone,

che pareno anni luce più distanti.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***