Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 1st, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

1 Settembre 2019

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 1-1

***

Finisce co un pareggio pe uno a uno,

ma 2-4 er conto de li pali,

co quattro legni presi li lazziali,

poteva annà un po’ peggio co quarcuno.

***

Un punto, nun fai passi colossali,

ma manco l’artri, e un go’ pe ciascuno,

ma armeno nun s’è visto più nessuno,

fa li svarioni grossi e micidiali.

***

Adesso peffortuna c’è la sosta,

se pò recuperà l’infortunati,

ché ancora ce ne stanno e quant’è tosta …

***

dové penzà a giochi carcolati,

e formazzioni da schierà apposta,

co pochi giocatori risicati.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

***

Je disse: “Quanno che tu sei invitato,

intenno dì a le nozze e c’è er banchetto,

nun scejete mai er posto più perfetto,

er mejo e er più vicino ar festeggiato.

***

Ché nun ce sia chi è de maggior rispetto,

e tu che ar primo posto eri piazzato,

da questi sei scarzato e aretrato,

sin a l’urtimo guasi a fà un dispetto.

***

E quanno fai un banchetto er tuo invito

nun fàllo a amichi o a soliti parenti,

pe èsse poi lor ospite servito.

***

Tu chiama zoppi, storpi o nun vedenti

o chi sta sempre in bianco aripulito,

Dio aricompenzerà ‘st’intennimenti”.

a***

Stefano Agostino

______________________________

***