Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 19 Settembre, 2019

I sonetti romani,La Roma in rima,Stagione 2019-20

19 Settembre 2019

Roma – Basaksehir E.L.

Roma – Baseksehir: 4-0

***

Un quattro a zero, ch’è un gran bell’inizzio,

e parla già da solo un po’ de tutto,

la Roma vince e fa restà a l’asciutto,

‘sti avverzari turchi … è un bello sfizzio.

***

Er primo go’ è un autogo’ co sfrutto

de un erore loro da novizzio,

poi ner seconno tempo scatta er vizzio

de chi la mette dentro co costrutto.

***

Er due è de Dzeko, assist de Zaniolo,

er tre de Nicolò … co un go’ perfetto,

e l’urtimo de Kluivert che da solo …

***

… già vale tutto er prezzo der bijetto,

ma è la Roma squadra e no l’assolo,

che gira e gioca e tutto è a effetto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Come pò èsse che sò già le sei?

Come pò èsse che sò già le sei?

***

Come pò èsse che sò già le sei?

Si ho smorzato l’occhi da un seconno,

nun so’ arivato manco ar primo sonno,

‘sta sveja strilla già, mannaggia a lei.

***

In fase REM, ch’è er coma più profonno,

sognavo d’èsse un re e vince trofei,

mó invece ‘sta sfracella-zebbedei

risbraita e sona, e si la pìo la sfonno.

***

Perché ar lavoro er tempo se immoviola,

che un’ora pare mezza settimana,

ma guardi l’orologgio è un’ora sola?

***

Quanno t’accucci a letto, cosa strana,

córe che doppia “Flash” pe quanto vola.

DRIIIN DRIIIN, le sei, … vabbè porcaputtana!

***

Stefano Agostino

______________________________

***