Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 22nd, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

22 Settembre 2019

Bologna – Roma

Bologna – Roma: 1-2

***

Sò quele cose che nun riesci a esprime,

come se pò gioì co un go’ venuto,

ner tempo esatto a l’urtimo minuto,

nun ce sò né strofette e manco rime.

***

Dopo quer go’ de Kolarov, tessuto

su punizzione, e ché arza le stime

de un giocatore che, pur su le prime,

s’era beccato p’er tempo pennuto.

***

Poi quer rigore assurdo regalato

e cartellini gialli fino ar rosso, 

che già sembrava tutto ormai segnato …

***

Ma de segnato c’è che er còre grosso

de Edik Dzeko co tocco ferpato,

ha fatto er due … e godo a più nun posso.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

***

“Nun pòi dà retta, amico, a du’ padroni,

sinnò finisce che fai preferenze,

e ne l’amalli usi differenze,

e, sta’ sicuro, fai li paragoni.

***

Nun s’ha da èsse, no, pozzi de scènze,

pe dì e spiegasse mejo che, in sòrdoni,

nun se pò èsse servi giusti e boni,

a servì Dio e amà artre potenze.

***

Nun se pò èsse schiavi der denaro

e mette ner contempo, ar centro Dio,

ché un ricco in Cèlo va mórto de raro.

***

Passa prima un cammello in cruna d’ago

che un ricco a annà vedé er Padre Mio,

… ce l’ho co te, perciò nun fà er vago!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________

***