Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 20th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

20 Ottobre 2019

Sampdoria – Roma

Sampdoria – Roma: 0-0

**+

Ce sta er pareggio ch’è mezza sconfitta,

anche si poi te dànno tutti un punto,

e ce sta quello che, pe com’è giunto,

nun è da buttà via o è più ‘na dritta.

***

Questo co la Sampdoria pe l’appunto

è der seconno tipo, ché s’è sfitta,

‘na camera tra anfratti e la soffitta,

che oggi è più obbiettivo ch’è raggiunto.

****

Intenno dì, pe come che s’è messa,

la prima de Ranieri e Roma stretta,

pe avé ‘na rosa tutta ‘na scommessa …

***

… sto pari qui nun punta su a la vetta,

ma lassa co ‘na senzazzione espressa

che prima o poi ‘sta Roma viè perfetta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova e er giudice”

***

“Da un giudice, che nun temeva Dio,

un giorno annò ‘na vedova, in mestizzia,

a chiede un intervento de giustizzia,

e quello disse  – qua decido io! –

***

La vedova … ve do ‘sta gran notizzia …

nun se stancò der primo secco “addio”,

e aripeté quela richiesta a invio,

finché l’accontentò co ‘na perizzia”.

***

Si un giudice così, pe l’inzistenza,

accorze prima o dopo ‘na richiesta,

sai che pò fà Iddio a chi, in coscènza, …

***

… co gran fervore, da matina a sera,

nun molla, nun se stanca e nun protesta,

de chiede e chiede, dentr’a ‘na preghiera”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***