Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 2nd, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

2 Novembre 2019

Roma – Napoli

Roma – Napoli: 2-1

***

La Roma batte er Napoli, che bello,

artri tre punti da mette in cascina,

e un’artra prestazzione sopraffina,

che è da apprausi certi e da stornello.

***

La Roma vince e vale ‘na vetrina,

er gor ch’è de Zaniolo menestrello,

poi sbajia un rigore, proprio quello,

co Kolarov … che cià mira assassina.

***

Poi ner seconno tempo fa due a zero,

ancora su rigore, Veretout,

che lotta come sempre da gueriero.

***

Er Napoli ce fa poi mannà giù,

un ber boccone amaro, ma ner vero

quer due a uno nun ce tocca più.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

pe faje compagnia a ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi li sta a piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Se stanno a gustà er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza

fra er senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

ma è un modo de penzà che un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***