Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 3rd, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Novembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Zaccheo”

***

Quer giorno c’era folla e pe vedello

Zaccheo salì su in cima a un sicomòro,

Gesù je disse: “Scenni, nun te ignoro,

anzi vengo da te, caro fratello!”

***

E lì s’arzò come da gnente er coro

de l’impiccioni e er solito macello:

“Ma che ce va a fà in quer bordello,

de pubbricani e gente come loro?”

***

Zaccheo fece a Gesù: “Dio sia lodato,

metà de quer che ciò lo do ar poraccio

e quattro vorte tanto a chi ho rubbato”.

***

Gesù arispose: “Fàtte dà un abbraccio,

ché oggi a fà così te sei sarvato,

de quelli come te, io me compiaccio”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***