Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 10th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

10 Novembre 2019

Parma – Roma

Parma – Roma: 2-0

***

Se perde pe due a zero, squadra stanca,

co pochi tiri in porta e poco gioco,

così nun riesce manco a accenne er foco,

chi entra da che era a séde in panca.

***

Troppi l’impegni e tempo troppo poco,

pe aricuperà e sempre manca,

chi pò sostituì chi adesso aranca

e sorte ‘sto verdetto che fa roco …

***

… er grido romanista che s’è arzato

ne le partite appena precedenti,

che nun pò annà de certo sì smorzato.

***

Co tutte quante l’artre pretennenti

che hanno vinto o che hanno pareggiato

tocca d’aripiasse immantinenti.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

***

Un gruppo de ferventi sadducei,

pe cui nun s’arisorge dopo morte,

pe fà cascà Gesù, chiesero sorte

seconno li principi de l’ebbrei…

***

… der matrimonio, fatto sette vorte,

da quela donna che mòre poi lei,

da vedova ar marito e a artri sei,

a chi va in moje, a l’anime risorte?

***

Gesù arispose che moje e marito,

è robba de ‘sta Tera e no der Cèlo,

‘ndó nun c’è morte e nun ce sta quer rito.

***

Si è pari a l’angeli e ciascun “io”,

come certificato dar Vangelo,

è unito in de l’Amore e fìo de Dio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***