Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 3rd, 2019

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2019

Celebbrà er Natale

Celebbrà er Natale

***

Me devi fà capì qual è er motivo,

pe cui te mancherebbe de rispetto,

si vojo celebbrà come un pupetto

Natale quanno viè o è in arivo.

***

Dov’è che fà un presepio benedetto

o un arbero che sluccica de vivo

o a scòla fà ‘na recita è lesivo,

de Buddha, de Confucio o Maometto?

***

La libbertà, simmai, sta propio in questo:

ner professà cor credo, riti e usanze,

ciascuno ner suo modo e cor suo testo.

***

Ma si a Natale ciài solo lagnanze,

e dichi a chi festeggia ch’è molesto,

perché nun ce arinunci a le vacanze?

***

Stefano Agostino

_________________________

***