Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 15 Gennaio, 2020

I sonetti romani,Romanamente

15 Gennaio 2020

Nun puntà er dito

Nun puntà er dito

***

Nun puntà er dito mai, ché serve a zero,

tanto er puntato guasi mai l’ammette,

aiuta assai deppiù portà a rifrette,

chi cià d’arischiarà quer che cià nero.

***

Intenno ch’è più mejo dì: “Permette?

Ma io l’arivedrebbe ‘sto penziero,

ar posto suo”, mostrannoje davero

‘ndó pò cambià, si solo ce se mette.

***

Si quello è intelliggente ce raggiona,

e si er conzijo è bono e va seguito,

magara poi da sé se perfezziona.

***

Si invece nun lo segue e arimpettito

continuà a èsse la stessa perzona,

c’è d’arzà er medio, più che puntà er dito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***