Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 7 Febbraio, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

7 Febbraio 2020

Roma – Bologna

Roma – Bologna: 2-3

***

Uscimo presto da ‘sta galleria,

che ar momento nun se vede luce,

da chi ce sta a giocà a chi la conduce,

‘sta Roma cià er motore in avaria.

***

De chi la corpa adesso poco scuce,

e annà a trovalla ce vò fantasia,

c’è da inverti la rotta e pià la via,

senza fermasse più in controluce.

***

C’è da cercà er modo, e fàllo in fretta,

pe ariprenne bene un ber cammino,

lassanno stà de certo chi sta in vetta.

***

Guradanno, prima de cercà bottino,

a nun pià più go’ e su ‘sta retta

credece fino in fonno, ortre er destino.

***

Stefano Agostino

**

I sonetti romani,Schegge di vita

Attenti a dà conziji

Attenti a dà conziji

***

Vabbè a dà conziji in amicizzia,

senza malizzia, senza doppio fine,

ma guai a passà er limite, er confine

ché ‘gni libbero arbitrio se sevizzia.

***

Si è semprice l’usà frasi carine,

co cui preggià quer che de l’artri sfizzia,

c’è da stà attenti a quanto sia propizzia

quela parola che punge co spine.

***

Così pure un conzijo in bona fede,

rivorto no ne la giusta magnera,

nun deve da travalicà né eccede …

***

… er raggio sacro de la propia sfera,

che in quello a cui è rivorto je risiede,

pe scerta de Chi ha fatto Celo e Tera.

***

Stefano Agostino

__________________________

**+