Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 15th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

15 Febbraio 2020

Atalanta – Roma

Atalanta – Roma: 2-1

***

Quattordici verzetti pe stasera,

è compricato metteli in seguenza,

la Roma perde un’artra vorta, senza

capì com’è e qual è la Roma vera.

***

Si quella ar primo tempo de potenza

o quella der seconno, nera nera,

dov’è la Roma che un tempo c’era,

e che pare sparita senza benza?

***

Ma che davero si è cambiato l’anno,

la Roma der dumiladiciannove

de botto è implosa come tutti sanno?

***

Che sia così ce stanno anche le prove,

e la domanna che viè de rimanno,

è la fine che ha fatto … e come e dove…

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

San Faustino

San Faustino

***

Er quinnici febbraio è San Faustino:

’na ricorenza pe chi sta da solo,

ossia nun è accoppiato, e viè a faciolo

er giorno dopo de San Valentino.

***

Er “single”, sia pe corpa che pe dolo,

quello pe scerta o ché lo vò er destino,

così cià un giorno e un santo a lui vicino

e anniverzario a festeggià ‘st’assolo.

 ***

Nun ho capito mai perché e per come,

si è omo o donna, fusse anche pischella,

er còre solitario cambia er nome.

 ***

Si è omo è “scapolone”, er che suggella

ch’è libbero, ner mentre er soprannome,

si è donna, nun pò èsse che “zitella”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***