Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 17th, 2020

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2020

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Diciannov’anni oggi ch’è successo,

ma a me, nun so perché, me pare jeri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioja infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***