Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 22nd, 2020

Frammenti di Roma,I sonetti romani

22 Giugno 2020

Amatriciana

Amatriciana

***

Nun vojo stà a parlà de la ricetta,

che pasta ciài da usà, pecora o grana,

quer che ce va in de un’amatriciana

si ar posto der guanciale, la pancetta.

***

La tradizzione certa, più romana,

sa già qual è l’unione più perfetta,

co quale sugo e come se ‘nforchetta,

‘sto primo de la storia più nostrana.

***

Quer che vojo rimà, co ‘sti du’ verzi,

è er nome propio de ‘sto granne piatto,

chiamato ne li modi più diverzi.

***

Sortanto uno è giusto, pe contratto,

è Amatriciana co la A, che scherzi?

Si è “matriciana”, la magnasse er ratto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Armistizzio cor lunedì

Armistrizzio cor lunedì

***

Mettemose d’accordo: un armistizzio,

ossia incomincio io a sopportatte,

ma tu nun torni sempre a cose fatte,

ché dopo ‘gni domenica ciài inizzio.

***

Me pare ch’è un ber modo pe sarvatte,

invece de buttatte ar precipizzio,

te vojo conzervà cor tuo supplizzio,

perzino a te, co cui ciò da combatte.

***

Ma si aritorni dopo la domenica

co ‘na cadenza de 52,

allora ciài ‘sta cosa che m’arzenica.

***

Gnente armistrizzio, tregua o pace vera?

Vabbè, co le ventiquatt’ore tue,

dichiarerò pe sempre ancora guera.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***