Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 28th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

28 Giugno 2020

Milan – Roma

Milan – Roma: 2-0

***

Se gioca su a Milano dentr’a un forno,

‘ndó mancheno le fiamme, me c’è er foco,

così se gioca giusto pressappocco,

un tempo solo e l’artro è senza scorno.

***

Quinni la Roma ce mostra un ber gioco

solo ner primo tempo, ma ar ritorno

cor callo, come fusse mezzoggiorno,

è ita giù de tono e manco poco.

***

Peccato che s’è perza l’occasione

de annà a rincore ancora er quarto posto,

che avrebbe dato un senzo a ‘na staggione.

***

Che poi è da giocà a qualunque costo,

così li propietari der pallone …

co un carcio in pieno lujo e pieno agosto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

***

“Chi ama padre, madre, fìo o fìa

più d’amà Me, de Me lui nun è degno,

chi nun pìa la sua croce, allora è segno

che la sua via nun è la via Mia.

***

Chi trova la sua vita pe sostegno

la perderà, chi pe seguì ‘sta Via,

la perde poi la troverà, ossia,

sarà poi parte un giorno der Mio Regno.

***

Chi accoje voi discepoli Me accoje

e accoje già Colui che m’ha mannato,

com’er profeta e er giusto, a le sue spoje …

***

… verà de certo poi ricompenzato,

co ricompenza che nisuno toje,

così chi dà da beve a l’assetato”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***