Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 11th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

11 Luglio 2020

Brescia – Roma

Brescia – Roma: 0-3

***

Se vince pe tre a zero e in trasferta,

e finarmente aggiungo co coraggio,

se vede un gioco, che nun è un miraggio,

nun conta l’avverzaria poco esperta.

***

Ché quer che conta è annà poi in vantaggio

e segna Fazio er primo e cosa certa

la Roma poi ner tempo e a la sverta

da quer momento va a propio aggio.

***

Er due è der sor Kalinic che segna

dopo d’avé cercato er go’ partita

senza trovallo fino a che se ingegna.

***

Er tre è er più bello perché è er suo solo

de chi rientra in campo e già inzegna

er carcio a tutti … Nicolò Zaniolo.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

San Benedetto

San Benedetto

***

Ciaveva 12 anni, piccoletto,

ma rifiutava già ch’er suo destino

vivesse già ‘na vita libbertino,

così poi se mostrò San Benedetto.

***

Ner monastero de Montecassino,

la Regola fonnò e er suo rispetto,

“ora et labora”, er modo più perfetto,

pe seguì Dio e pe nun fà casino.

***

Ché poi sò tutt’e due la stessa cosa,

anch’er lavoro infatti è ‘na preghiera,

che Dio gradisce più de tanta prosa.

***

San Benedetto, da matina a sera,

se vive ‘sta missione che lui sposa,

appassionato, pe la vita intera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***