Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 12th, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Luglio 2020

La Parabbola der seminatore

La Parabbola der seminatore

***

I

***

Un giorno, tempo fa, un seminatore,

sortì pe seminà, ma pe la via,

parte der seme cadde e fece scia

magnata da l’ucelli co furore.

 ***

Parte finì, ma senza ’na reggìa,

sopr’a ’na roccia e un sòlo ingannatore,

spuntò la spiga, sì, ma pe du’ ore,

er sole l’abbruciò e così sia.

 ***

Un’artra parte è ita tra le spine,

ma in quer tereno arido e più asciutto,

fu presto soffocata e fu la fine.

 ***

L’urtima parte cadde dapertutto,

sopr’a un tereno bono e in quer confine,

de qua e de là, dovunque, diede frutto.

***

II

***

Er seme è la parola der Signore:

c’è chi la sente senza l’empatia,

viè er diavolo che cià fisionomia

d’ucello che ne fa sparì er sentore.

*** 

C’è chi l’ascorta e prenne fantasia,

ma nun la tiè pe sempre in fonno ar còre,

inaridisce tosto ar primo umore,

così com’era nato va in morìa.

*** 

C’è chi la segue, ma l’idee assassine

der vive quotidiano, o bello o brutto,

soffocheno speranze contadine.

*** 

C’è chi l’ascorta bene e co costrutto,

la pratica pe sempre e sa che, infine,

si semina quer po’, riccoje er Tutto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***