Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto 30th, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Agosto 2020

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

***

Ciaveva da soffrì e anche parecchio,

salì a Gerusalemme p’èsse ucciso,

così j’ariccontò e Pietro, deciso,

je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio.

***

Gesù arispose: “Vattene”, conciso,

“Lungi da me, de satana sei specchio,

ma te n’accorgerai, quanno, da vecchio,

dovrai da annà ‘ndó nun l’hai condiviso.

***

Chi vò venì da Me scerga, veloce,

de vive già a rinnegà se stesso,

e accetti inzieme a Me la propia croce.

***

Chi vò sarvà ‘sta vita è da cipresso,

ma chi la perderà pe ‘sta Mia voce

la sarverà, e lì Me verà appresso”. 

***

Stefano Agostino

______________________________

***