Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 22nd, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Settembre 2020

Verona-Roma a tavolino

Verona – Roma: 3-0 a tavolino

***

Tre a zero. La sconfitta a tavolino.

Quest’è er verdetto de Verona-Roma,

dopo de Diawara cor suo diproma

de un’età sbajata ar tabbellino …

***

… erore che tradisce che sta in coma

‘sta diriggenza che fa ‘sto casino,

co un danno che pò già cambià er destino

già da la prima che porta ‘sta soma.

***

Chiunque pò sbajà in de ‘sto monno,

ma c’è la corpa grave che in diritto

è equiparata ar dolo fino in fonno.

***

Ce sta da daje  un carcio bene dritto

ar centro der didietro in un seconno 

a chi ha sbajato …   ciao pe sempre e zitto! 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno che accoperti le lenzola.

 ***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

 ***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quann’è Ottobbre er sole cià er mantello.

 ***

Piagne li morti, er celo de Novembre,

la sciarpa è in cerca de guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***