Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 27th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

27 Settembre 2020

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-2

***

Finisce co un pareggio ar retrogusto

che sa d’avé mancato la vittoria,

du’ vorte in vantaggio e poi la storia

dice de un omo in più … che cambia er gusto.

***

Co Dzeko che du’ vorte sbaja … scoria

de questa settimana de trambusto,

er pari loro quinni serve giusto 

a ricordà chi scorda la memoria.

***

Così se pìa un punto … un primo passo

dopo la cavolata de Verona,

ma qui s’è visto gioco d’arto tasso.

***

Che fa sperà d’èsse su strada bona,

pe quanto ora sia da un punto basso,

pe comincià a salì ‘ndó se raggiona.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

***

Gesù je fece a sacerdoti e anziani:

“Un omo co du’ fìi, je dice ar primo,

va’ a lavorà la vigna e quello: – Imo –

ma nun ce va, né oggi e né domani.

***

L’artro fratello: – No, manco a li cani –

je fa ar padre, ma se pente e, dimo,

che invece poi ce va, chi è che stimo?”

Risposero: “Er seconno, co occhi sani”.

***

“In verità ve dico, è questo er punto”,

je repricò Gesù, “chi m’ha creduto,

prima de voi in Celo sarà aggiunto.

***

Pentisse, anche a l’urtimo minuto,

sarva ‘gni omo, anch’er più bisunto,

si è vero pentimento conosciuto”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***