Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 18th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

18 Ottobre 2020

Roma – Benevento

Roma – Benevento: 5-2

***

La Roma ne fa cinque ar Benevento,

ma nun è stata senza sofferenza,

sotto de un go’, poi pari e a intermittenza

vantaggio Roma e pari disattento.

***

Er tre a due che cambia la sentenza,

poi er quattro a levà ‘gni turbamento,

cor cinque go’ de tigna e de portento,

a chiude la partita più che intenza.

***

Er primo go è de Pedro a fà pareggio

er due è de Dzeko, go’ a l’angolino

er tre de Veretout a levà er peggio.

***

Er quattro è de Dzeko, ber bottino,

er cinque, ch’è er più bello a fà punteggio,

de Carles Perez, dar talento fino.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “a Cesare quer ch’è de Cesare

Dar Vangelo der giorno:

“a Cesare quer ch’è de Cesare”

***

Li farisei cercaveno un quar modo

pe fà cascà Gesù in de un tranello,

facennoje chi un quarche indovinello,

chi ‘na domanna pe mettelo ar chiodo.

***

Annorno sì da Lui e tra un questo e un quello,

parole pe ingrazziallo e allungà er brodo,

je chiesero: “Maestro, scioji er nodo,

è giusto pagà a Cesare er gabbello?

***

Gesù che l’ha sgamati in un seconno,

je disse: “Nun ce casco certo, Io,

co ‘sti giochetti strani fino in fonno.

***

‘Sto conio ch’è de Cesare e no er Mio,

rennetejelo a Cesare e a ‘sto monno,

date però a Dio, quer ch’è de Dio.

***

Stefano Agostino

____________________________

***