Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 22nd, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Ottobre 2020

Young Boys – Roma E.L.

Young Boys – Roma: 1-2

***

Chi ben comincia … come dice er detto,

de certo pò valé pe ‘sto girone,

d’Europa League che apre la staggione,

la Roma vince … e questo è già perfetto.

***

Lo fa in rimonta, dopo quer magone

de un primo tempo e co un artro assetto,

via le seconne linee … e l’effetto

è stato mette dentro quer pallone.

***

De Bruno Peres er primo e er seconno

der sor Kumbulla gran ber carciatore,

che già se sa in quanti che lo vonno.

***

Tre punti de bottino e un sentore

che pòi puntà a spigne fino in fonno,

si giochi co la Roma più mijore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

***

Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,

si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,

penzo a Giovanni Paolo Seconno,

perdoname Francesco, senza offesa.

 ***

Er fatto è che ’sta goccia giù giù in fonno,

a tocchi a tocchi, lentamente è scesa,

m’è entrata dentro, fin’ a famme presa,

sfiorannome ner centro der profonno.

 ***

E nun me scordo certo quer soriso,

tra acciacchi, guai, penzieri, danni e pene,

pe sempre acceso a illuminaje er viso.

 ***

Più de Natali e più d’Urtime Cene,

pe me ’na frase vale er Paradiso:

“SEMO ROMANI, VOLEMOSE BENE!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***