Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 31st, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Ottobre 2020

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

***

Gesù salì sur monte a dì a chi c’era:

“Er povero de spirito, beato,

chi piagne mó, sarà ariconzolato,

er mite, ché erediterà la Tera.

***

Chi ha fame e sete ché verà sazziato,

ma quella de Giustizzia, quella vera,

chi cià misericordia, giorno e sera,

chi è puro assai de còre, a Dio affacciato.

***

Beato poi chi opera la pace,

verà chiamato, infatti, fìo de Dio,

chi è perzeguitato ingiusto e tace.

***

Beati voi quanno ve inzurteranno,

e soffrirete pe ‘sto credo Mio,

ve aricompenzerà Lassù ‘gni danno. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 ottobre, usa la zucca!

31 ottobre, usa la zucca!

***

Amico mio te prego, damme ascorto:

nun festeggià più Halloween p’er fatto

ch’è un modo d’esartà quer “granne ratto”,

padrone de l’Inferno e er monno morto.

 ***

Dietr’a le zucche vote e a quarche gatto,

se vole richiamà quer “drago sciorto”,

co simboli de mostri e streghe, abborto

d’artre curture de tutt’artro tratto.

***

Nun dico p’er dorcetto o lo scherzetto

quanno li bimbi soneno a la porta,

nun ciavrei scritto certo ’sto sonetto.

 ***

Usa la zucca intera e da stavorta,

nun daje spazzio ar “verme” e ar suo aspetto,

tra li fantasmi, zombie e gente morta.

***

Stefano Agostino

______________________________

***