Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 28th, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

 ***

Così Gesù je disse: “Voi vejate,

ché nun se pò sapé in quar momento

Io aritornerò e qui Me sento

de divve de vejà, in quer che fate. 

***

Com’er padrone che va via: – M’assento –

dice a li servi sua – terreni e entrate

gestiteli ner mentre e amministrate

così che ar mio ritorno sia contento -.

***

Vejate, quinni, voi che nun sapete

quanno er padrone torna, si de sera,

a mezzanotte, a l’arba e lì vedete …

***

… de nun trovavve a seguì le orme

der servo che nun viggila in preghiera,

torna er padrone e lui ancora dorme.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Avvento

Avvento

***

Me piace tanto er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno che s’ariva ar Sacro Evento.

 ***

C’è chi alestisce già er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

e più che s’avvicina quer momento

e più ’gni strada o piazza resta accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

’gni giorno apre un’artra finestrella,

così ariscopre tutto er campionario.

 ***

Dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar rigalo o a l’incontrario,

fin quanno ch’er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***