Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 19th, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Dicembre 2020

La statuetta der presepe

La statuetta der presepe

***

Me sento come un pezzo der presepe,

nun dico certamente er principale,

nemmanco uno in grotta, naturale,

né l’angelo, ché ciò fin troppe crepe.

 ***

Me paro quello in fonno, laterale,

che spunta poco prima da la siepe,

veste de lana grezza, cacio e pepe,

ch’accore pe vedé cos’è Natale?

***

E cià ’na faccia piena de stupore,

che pare dì quanto lo meravija,

quer “Bimbo” ch’è già nato Sarvatore.

 ***

E poi m’accorgo, un battito de cija,

che innanzi a Dio, quer timido pastore,

so’ propio io, e nun solo la Viggija.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***