Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 15th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

15 Gennaio 2021

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 3-0

***

Nun riesco a scrive manco mezza rima,

figurete a mette giù un sonetto,

nun so da ‘ndó partì … mejo ch’aspetto,

ché mó c’è solo rabbia e disistima.

***

Ché nun se pò mancà mai de rispetto,

a questa maja … punto che sta in cima,

ché perde ce pò stà, ma certo prima

devi lottà co gambe, testa e petto.

***

Invece nun hai fatto un tiro in porta,

in tutt’er campo t’hanno surclassato,

e preso er primo go’ già te sei sciorta.

***

‘Sto fatto ce dovrebbe èsse spiegato,

speranno questa sia l’urtima vorta,

ché ce sta ancora mezzo campionato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Er vecchio smemorato

Er vecchio smemorato

***

Sta lì ar sole freddo de ’na panca,

p’ariscallà la pelle ch’è tutt’ossa,

cor bavero a coprì la testa rossa,

er vento lo schiaffeggia a destra e manca.

***

De botto pare preso da ’na scossa,

cerca de rassettà la faccia stanca,

passa ’na vecchierella, tutta bianca,

quanno la vede er còre je se ’ngrossa.

***

Lei je soride e lui ce s’arza in piedi,

un fiore a un ramo appeso j’ariccoje,

je dice: “Tiè, te vojo bene, vedi?”

***

Come la neve ar sole lei se scioje

e j’arisponne: “A Ni’, ma che te chiedi?

Nun t’aricordi mai che so’ tu’ moje ?!?”

***

Stefano Agostino

________________________

***