Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 6th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

6 Febbraio 2021

Juventus – Roma

Juventus – Roma: 2-0

***

Difficile, si nun se tira in porta,

è da sperà in un go’ … lapalissiano…

ma visto che su ciò arzi le mano,

direi che va spiegato un’artra vorta.

***

Si nun ce provi mai da lontano,

e te la passi sempre … pure accorta,

si sbaji prenni er go’ che fa da svorta,

sei già sconfitto o t’arenni piano.

***

Peccato perché nun s’è sfigurato,

come ch’hai fatto in artre occasioni,

ma tanto nun te cambia er risurtato.

***

Ce sta da mette dentro li palloni,

nun c’è arternativa e va provato,

tentanno un tiro in porta … e no pozzioni.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Li cinque senzi

Li cinque senzi

***

Un giorno sora Bocca disse ar Tatto:

“So’ mejo io ch’assaggio li sapori,

de te ch’avverti solo li dolori,

nun te se pò toccà ché fai ’no scatto!”

***

Naso fiutò, seguggio, ’sti sentori

e, annusati, poi sortì de un tratto:

“Er primo resto io che do l’orfatto,

senza de me, nun serveno l’odori.”

***

Un rombo forte, s’arintese Orecchio:

“Che conta straparlà, si poi sei sordo?

Ascorteme e bonanotte ar secchio!”

***

L’Occhio li furminò, sguardo balordo:

“È grazzie a me, si vedi ch’è ’no specchio”

e vinze lui …trovò tutti d’accordo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***