Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo, 2021

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

23 Marzo 2021

A Roma mia

A Roma mia

***

Adoro ’sta città de campanili,

de tetti, case, cupole e mattoni,

de strade strette, vicoli e portoni,

de monumenti, vie, piazze e cortili.

***

Adoro ’sta città de chiese e sòni,

negozzi enormi e fiere mercantili,

de ville, ponti, argini e pontili,

de trattorie, de sogni e de canzoni.

***

Adoro ’sta città de luce eterna,

centro der monno da li tempi antichi,

de vita attiva sempre, ’na cisterna.

***

Adoro ’sta città de tutti amichi,

de gente alegra, pure che je ’nverna:

“noi semo noi, ahó, no pizza e fichi”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Er Tevere

Er Tevere

***

’Gni giorno che te ’ncrocio de passaggio,

te guardo come fussi mi’ fratello,

pe un attimo, quann’esco dar bordello,

me pare de tuffamme ner miraggio …

***

… ’ndó ce sto io che sargo sur battello,

che guasi me salassa cor pedaggio,

e lento lento ammiro er paesaggio,

de Roma nostra vista dar più bello.

***

Tant’anni fa t’hanno chiamato “bionno”,

pe via de li rifressi color oro,

de brillantina d’acqua fin’ar fonno.

***

Ma oggi li “sapienti” der decoro,

t’hanno cambiato ponti, tinte e sfonno,

pe l’anima de li mortacci loro.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Marzo 2021

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia a goccia,

zampilla de freschezza trasparente,

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà ‘na quarche roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020-21

21 Marzo 2021

Roma – Napoli

Roma – Napoli: 0-2

***

Che era già difficile la lotta,

p’er quarto posto Champions era scritto,

ma dopo ‘sta sconfitta è buio fitto,

è ‘na chimera pe quanto s’annotta.

***

Du’ go’ presi e tutto er resto è fritto,

è dura ripiasse da ‘sta botta,

un’artra vorta che perdi la rotta,

si giochi co le forti e esci zitto.

***

Quer che fa rabbia è ch’è solo de testa

conziderasse sempre inferiori

e lassà er campo a l’artri a fà festa.

***

E t’aritrovi guasi che sei fòri

co tutto che davanti prima-sesta,

nun pareno ‘gni vorta le mijori.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er seme che porta frutto”

Dar Vangelo der giorno: “er seme che porta frutto”

***

“L’ora è arivata: sia glorificato

er Fìo de l’Omo ché, pe chi lo teme,

vor dì sarvezza, ossia massima speme”,

così, prima che fusse condannato …

***

… Gesù a li discepoli: “Sì er seme

che cade in tera mòre, in quelo stato,

lui porta tanto frutto e quer ch’è nato

è grazzie a ‘na vita che se spreme.

***

Così anch’Io dovrò morì p’er monno

pe dà la Vera Vita, quella eterna,

a chi Me seguirà inzino in fonno.

***

Ché c’è ‘na Gloria granne e sempiterna,

pe chi me crede e fin su ner profonno

ascorterà sta Voce Mia, fraterna”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

 

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Marzo 2021

Primavera

Primavera

***

Ariva guasi che nun te n’accorgi,

ma in un momento l’arberi pittura:

ar griggio scuro de corteccia dura,

je passa er verde lucido che scorgi.

***

E s’addorcisce la temperatura,

presta l’orecchio e l’occhio j’arivorgi,

t’affacci, basta solo che te sporgi,

è un quadro che pìa vita la Natura.

***

La prima pennellata viè de Marzo,

Aprile ritinteggia er paesaggio,

e ’gni colore ar campo è come sparzo.

***

L’ucelli in celo dicheno ch’è Maggio,

la frutta riempie tavole de sfarzo,

er sole manna a Giugno er mejo raggio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

19 Marzo 2021

Èsse padre

Èsse padre

***

Chissà come dev’èsse tutt’a un tratto,

l’istante in cui capisci che sei padre,

vedé quer bimbo in braccio a su’ madre,

e accorgete che anche tu l’hai fatto.

***

Le fabbriche der monno, bone o ladre,

nun riusciranno mai a produre l’atto,

de tirà fòra un pupo, tutto ’ntatto,

manco co l’operai riuniti in squadre.

***

Sta lì pe te ’sto scricciolo ’ndifeso,

che s’accontenta de ciucciasse er latte,

nun è venuto ar monno, l’ha acceso.

***

Si fussero pe me l’occhi che sbatte,

me sentirebbe lì d’avé compreso,

 mó che c’è lui, pe lui tocca combatte.

***

Stefano Agostino

________________________

***