Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Aprile 21st, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Aprile 2021

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

***

Fu Romolo, se sa, come un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo zompò, entranno in quer tracciato.

***

Romolo, fin’a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

a Roma nun se pò commannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________

***