Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Maggio, 2021

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Maggio 2021

Morte su la funivia

Morte su la funivia

***

Vite spezzate, come quer tirante,

de quela maledetta funivia,

a un tratto er monno è scivolato via,

come quela cabbina in un istante.

***

Tutt’è sartato … pare fantasia,

de quarche firm d’orore incessante,

quann’er fracasso ar palo nun distante,

er rullo … e tutto crolla co ‘na scia …

***

… de botte e capovorte sur pendio,

fin quanno ruzzolanno nun s’aresta

cor macabbro bilancio de l’addio.

***

Doveva èsse un ber giorno de festa,

mó nun rimane che un coro a Dio:

perché ‘sta fine e piagne pupi in testa?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020-21

23 Maggio 2021

Spezia – Roma

Spezia – Roma: 2-2

***

Un pari brutto, sporco e senza storia,

da du’ go’ sotto, poi recuperati,

da Faraone e Miki infilati,

che però basta pe nun fà cicoria.

***

Settimo posto cià li connotati,

de la Conference League  pe Trigoria,

de certo nun te vale mai la gloria,

ma de giocà in Europa s’è chiamati.

***

Un campionato che pe com’è ito,

nun c’è difficortà a dillo chiaro,

è ‘na fortuna che qui sia finito.

***

Speranno ner futuro meno amaro

le basi ce sò già e arzi er dito

chi nun lo vede mejo co quer varo.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Celo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto granne portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio in Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

sapeveno parlà lingue niscoste,

de ‘gni paese ar monno e de ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2021

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

‘Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò in fronte a lei ner pianto,

e lì rimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero e quela rosa,

ner pieno de gennaio che j’è sorta,

sboccianno ar punto ‘ndove s’ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Maggio 2021

Le previsioni meteo

Le previsioni meteo

***

Er bollettino è più un indovinello,

ché nun sai mai qual è quer che ce becca:

chi t’assicura er sole e fa cilecca,

chi dice pioggia, ma poi esce bello.

***

Prevedeno er sole e l’aria secca,

eppoi te piove d’affogà l’ombrello,

artro che daje retta ar colonnello,

sei zuppo cor fastidio tipo zecca.

***

Così che poi te viè l’arta pressione,

e no ar tempo, che nun fa ’na piega,

passanno dar sereno a l’alluvione.

***

Si vòi sapé er tempo e chi lo spiega,

invece d’ascortà la previsione,

un occhio ar celo, certo, nun te frega.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

20 Maggio 2021

La sedia der dentaro

La sedia der dentaro

***

Vòi evitalla in tutti li modi,

è inutile scappà tanto te tocca,

sedette lì davanti, aprì la bocca,

ch’attureresti co bavajo e nodi.

***

C’è come un quarche cosa che te blocca,

pari er “pezzo de legno” de Collodi,

però da ’sta “balena” nun te schiodi,

fin’a che scava er trapano te sciocca.

***

Ar posto de l’avorio de ’sti denti,

nun s’è scoperta ancora ’na magnera,

de nun fà più soffrì pianti e lamenti.

***

Signore, daje ascorto a ’sta preghiera,

invece de ’ste fonti de tormenti,

ce pòi fà nasce già co la dentiera?

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

19 Maggio 2021

L’Ara Pacis

L’Ara Pacis

***

Che pena l’Ara Pacis, quella d’oggi:

dipinta e ripittata tutta bianca,

er bello è che l’ha fatta pure franca,

er genio che j’ha dato mό ’st’alloggi.

***

Si lassavamo li quatrini in banca,

invece de sprecalli co ’st’appoggi,

restava l’Ara Pacis, senza sloggi,

sarva la capra sott’a quela panca.

***

E penzo da quaggiù, vedé ’sto scempio,

come la prennerebbe er bon Augusto,

si risorgesse mó, tanto presempio.

***

Rischianno un coccolone p’er disgusto,

a chi j’ha rovinato tutt’er tempio,

lo ’mpalerebbe lì … ner posto giusto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***