Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto, 2021

La Roma in rima,Stagione 2021-22

22 Agosto 2021

Roma – Fiorentina

Roma – Fiorentina: 3-1

***

La prima gara porta ‘na vittoria,

tre punti boni a inizzià er cammino,

partita de sostanza e gran bottino,

gara sofferta, ma che chiude in gloria.

***

Er primo go’ de Miki de un pelino,

che stava in gioco e pari pe la storia,

du’ go’ de Veretout e graduatoria

che ride anche s’è primo matino.

***

La Fiorentina gioca e assai se ‘mpegna,

mettenno in difficortà parecchio,

ma c’è la Roma che comunque regna.

***

Boni li novi e bono fà lo specchio,

e bono tutto fino a che se segna,

forza la Roma e bonanotte ar secchio!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “da chi anneremo?”

Dar Vangelo der giorno: ” da chi anneremo?”

***

Gesù vide d’un tratto ch’er discorzo,

su pane e vino e le parole dure,

s’era abbattuto giù come ‘na scure,

su quelli che seguiveno er percorzo.

***

Tante perzone, ormai nun più sicure

d’annaje appresso a Lui e a quer Suo corzo,

pe quarche cosa che je s’è rintorzo,

staveno in cerca già d’artre avventure.

***

Li dodici rimasti a staje dietro,

se li guardò co un’aria assai fraterna,

appena distanziato quarche metro.

***

Je disse: “Pure voi, in tripla quaterna,

volete annà?” – “E da chi?” – je fece Pietro – 

“Tu ciài parole qui de vita eterna!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

21 Agosto 2021

Saggezza arcolica

Saggezza arcolica

***

Diceva: “Si va, va, sinnò ’sti cazzi!”

Quanta morale dentro a ’sta battuta,

filosofà de ’na vita vissuta,

sotto a li ponti e mai dentro a palazzi.

***

Da tutti era perzona conosciuta,

come ubbriacone matto co li sprazzi,

che arternava sbronze, strilli e scazzi,

co attimi de ’na saggezza arguta.

***

Ar punto che nun era manco raro,

vedello barcollà pure a distanza,

’na bira in mano e lui: “Me chiamo Arvaro”.

***

Poi cor bucale usava la creanza,

de faccese ’na doccia, pe dì chiaro:

“Nun pò godé sortanto che la panza!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

19 Agosto 2021

Trabzonspor – Roma Co.L.

Trabzonspor – Roma: 1-2

***

Comincia quinni la nova staggione,

contro li turchi ner preliminare,

er tempo è ancora quello d’annà ar mare,

ma er calennario la fa da padrone.

***

La prima de Mourinho che già pare

in clima giusto e pronto co raggione,

a mette tutto in campo a profusione,

sempre incazzato, senza èsse vorgare.

***

La Roma vince co un ber due a uno,

che già ce mostra er lavoro fatto,

come lo Special One nun c’è nisuno.

***

De Pellegrini er primo e l’artro è tratto

da un tocco de Shomurodov che ognuno

pò pure confrontà, ma c’esce matto.

**

Stefano Agostino

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

a Roma nun c’è artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

prima de fà l’odierno gran museo.

***

Veloce come ch’è girato er vento,

da ch’era nato un dì mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

***

Ha preso er nome propio de Castello,

pe l’Angelo che sfoderò la spada,

sarvanno Roma da peste e macello.

***

Perciò, quanno l’incontri e sei pe strada,

ricorda de tiratte giù er cappello

e dije “grazzie” che Roma ce bada!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Agosto 2021

‘Na sera a Garbatella

‘Na sera a Garbatella

***

Si vòi gustatte, senza ghirigori,

piatti romani e beve a garganella,

fatte un giretto pe la Garbatella,

ch’è come magnà in casa, stanno fòri.

***

È er mejo posto ’ndó ce se stornella,

chitare ch’arintoneno li cori,

e nun ce sò poracci, né signori,

ma solo gente alegra in comunella.

***

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,

li sartimbocca, un piatto de facioli,

er tonnarello a cacio e pepe è rito.

**+

Senza tovaja e senza tovajoli,

sur tavolo ch’è pure un po’ sdrucito,

ma come magni già t’ariconzoli.

**+

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

17 Agosto 2021

Er piromane

Er piromane

***

Che pò succede indentro a ’na capoccia,

pe incendià e dà foco a ’na foresta?

Nun ce lo so, ma so che quela testa,

nun riesco a piagne mica si se scoccia.

***

Te credi, che ne so, de fà ’na festa?

La benza su li tronchi a mo’ de doccia,

sfregà un cerino che ciài in saccoccia,

pe poi sfruttà quer vento de tempesta.

***

Chissà si mosso da ’sto strano gusto,

te sentirai potente o pressappoco

e penzerai de stà pure ner giusto.

***

Magara prima o poi pe fà ’sto gioco,

quarcosa te va storto e ner trambusto,

co ’na fiammata addosso te dài foco!

***

Stefano Agostino

_____________________

***