Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto 4th, 2021

Frammenti di Roma,I sonetti romani

4 Agosto 2021

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, vorze fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

***

… Lei fece scegne er 5 agosto lenta,

soffice, bianca, lucida. più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

e lui ce gettò su le fonnamenta…

***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

***

‘Sto fatto viè ‘gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

a sfiocchettà dar tetto sur sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

La guera

La guera

***

Nun l’ho vissuta, certo, peffortuna,

sinnò su libbri o dentro ar teleschermo,

ma tremo come foja e nun me fermo,

co l’incubbo de vivene quarcuna.

***

Speranza de magnà pane raffermo,

e sopravvive ar chiaro de luna,

cor rischio che da mezzanotte a l’una,

me cambia tutto, senza che confermo.

***

Signore mio, nun fà scappà ’sto monno,

incontr’ar tetro mostro de la guera,

che lo farebbe quadro in un seconno.

***

E sveja Tu li capi de la Tera,

pe faje dì, destati da ’sto sonno,

che razza de stronzata è ’gni frontiera!

***

Stefano Agostino

________________________

**+