Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 20th, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Dicembre 2021

Inverno

Inverno

***

C’è pure chi lo chiama “Generale”,

p’er fatto ch’è er più riggido e de fero,

le notti lunghe, buie e sotto zero,

comincia in bianco, giusto pe Natale.

***

Quanno che annotta e er celo se fa nero,

ch’er vento fischia e sibbila glaciale,

voresti annà ne l’emisfero australe,

in quarche posto esotico, stragnero.

***

L’arbero acceso, fine dicembrino,

se porta avanti fino ar sei Gennaio,

più p’er commercio, sì, che p’er Bambino.

***

Ariva mascherato er sor Febbraio,

prima de chiude er conto cor piumino,

Marzo apre l’ombrello eppoi la sdraio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Preghiera de Natale

Preghiera de Natale

***

Signore mio, ascorta ‘sta richiesta,

er tempo è quello giusto der Natale,

fa’ quarche cosa Tu pe chi sta male,

contro ‘sta crisi e chi nun pò fà festa.

***

Qualunque cosa, purché sia speciale,

e che je dia un soriso che poi resta,

ar dunque la preghiera che ciò in testa,

è faje avé ‘na vita più normale.

***

Penzace Tu, Signore, a scallà er còre

de chi ce l’ha ridotto a un ghiacciolo,

sciojennojelo senza fà rumore.

***

E fa’ sentì ‘gni omo meno solo,

rigalaje un’anticchia der Tuo Amore…

me pare hai detto: “Sì”. Me riconzolo.

***

Stefano Agostino

___________________________

***