Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 25th, 2021

I sonetti romani

25 Dicembre 2021

Natale

Natale

ééé

Si penzo, anche solo pe un seconno,

ch’er nostro Dio, Eterno e Onipotente,

pe fasse riconosce da la gente

de tutti quanti l’angoli der monno …

 ***

… s’è fatto carne e carne d’innocente,

de un Pupo che cià fame, freddo e sonno,

rimango lì incantato in der profonno,

senza riuscì a dì, né fà più gnente.

***

Un Dio che, come l’omo da bambino,

è quarche cosa che er resto ariduce

a meno de un avanzo da cestino.

 ***

Ché qui nun viè de certo pe fà er duce,

puranche ch’è er Padrone der Destino,

ma pe sarvacce a tutti e portà Luce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***